Skip navigation

Category Archives: Firefox

Thunderbird è un ottimo programma, ma purtroppo l’installazione su Linux impedisce di usare Firefox come browser predefinito. Ovviamente, esiste una soluzione.

Firefox all’attacco di IE

Armati di terminale, andiamo nella cartella del profilo di Thunderbird:

cd ~/mozilla.thunderbird/<profilo>.default

dove <profilo> cambia da utente ad utente, quindi dovete vedere qual è la cartella per la vostra installazione.

Apriamo il file di configurazione prefs.js e aggiungiamo queste righe:

user_pref(”network.protocol-handler.app.http”, “/usr/bin/firefox”);
user_pref(”network.protocol-handler.app.https”, “/usr/bin/firefox);
user_pref(”network.protocol-handler.app.ftp”, “/usr/bin/firefox”);

Un’alternativa a questa procedura, che interessa l’intero sistema, è quello di dare questo comando:

update-alternatives --config x-www-browser

e poi scegliere firefox come browser predefinito.

Firefox è ormai stabilmente il secondo browser più utilizzato al mondo, e addirittura statistiche recenti dicono che ben un quarto dei navigatori mondiali lo usano per navigare al posto di Internet Explorer.

Firefox all’attacco di IE

In questo post vi presento qualche utile trucchetto per aumentare la velocità e le prestazioni di Firefox, insieme a qualche consiglio per personalizzare il browser predefinito di Ubuntu.

Prima di cominciare, sarebbe bene salvare le impostazioni di Firefox così da ripristinare il tutto in caso di problemi. Una comodissima estensione chiamata Firefox Extension Backup Extension (FEBE) permette di realizzare backup (parziali o totali) dei profili di Firefox, permettendo di ripristinare il browser ad uno stato “pulito” in caso di guai, o anche solo come backup di sicurezza.

Tutte le modifiche che vorremo apportare al browser possono essere operate scrivendo nella barra degli indirizzi “about:config“. Invece di un sito web si aprirà un lunga pagina contenente tutte le stringhe che controllano gli aspetti più misteriosi del browser. E’ qui che dovremo intervenire a mano, e poi riavviare Firefox per osservare i risultati ottenuti.

Attenzione: questi trucchi si riferiscono alle impostazioni di default di Firefox 2.0.

Ecco un elenco delle modifiche che ho apportato al mio Firefox, voce per voce:

network.http.max-connections: il suo valore indica il numero massimo di connessioni contemporanee che Firefox può stabilire. Io l’ho fissato su 32.

network.http.max-connections-per-server: il suo valore indica il numero massimo di connessioni contemporanee che Firefox può stabilire con un singolo server. Il valore predefinito è 8. Può essere aumentato a 16, ma alcuni server bloccano gli ip da cui arrivano più di 8 richieste.

network.http.max-persistent-connections-per-server: il suo valore indica il numero di connessioni che restano aperte con un server così da inoltrare più velocemente ulteriori richieste. L’ho impostato su 8.

network.http.pipelining: impostato su true, attiva una tecnica sperimentale che accelera il download delle pagine Web.

network.http.pipelining.maxrequests: se non esiste va creato (come intero) e impostato a 16.

network.http.proxy.pipelining: utile dietro un proxy. Va impostato su true.

browser.search.openintab: impostato su true, fa aprire le ricerche lanciata dalla barra di ricerca in una nuova scheda piuttosto che in quella corrente;

browser.tabs.loadFolderAndReplace: impostato su false, fa aprire i bookmark in nuove schede piuttosto che riutilizzare quelle aperte;

layout.word_select.stop_at_punctuation: impostato su true, fa sì che facendo doppio click su una parola non venga selezionato l’eventuale segno di interpunzione che la segua.

nglayout.initialpaint.delay: da creare come intero e impostare a 50. Definisce il ritardo in millisecondi che Firefox deve rispettare prima di renderizzare la pagina.

network.dns.disableIPv6:impostato su true, disabilita il supporto a IPv6

Shockwave è una sorta di progenitore di Flash, surclassato da quest’ultimo ma ancora blandamente utilizzato, soprattutto per videogiochi online. Sfortunatamente, Adobe non ha manifestato alcun interesse a portarlo su Linux, e per usarlo sui nostri pc bisogna fare letteralmente i salti mortali, come indicato dalla guida del Wiki internazionale.

Shockwave

Sintetizzo i punti salienti:

  • installare wine e mozplugger con: sudo apt-get install wine mozplugger
  • Scaricare e installare con wine la versione per Windows di firefox (sob sob…!)
  • Via ai salti mortali: andare su un sito che richiede Shockwave e seguire la procedura guidata per installare il plugin e chiudere Firefox
  • sudo gedit /etc/mozpluggerrc e aggiungere alla fine del file:
    • application/x-director: dir,dcr,dxr,cst,cct,cxt,w3d,fgd,swa: Macromedia Director file
    • swallow(firefox.exe) fill: wine "C:\\Program Files\\Mozilla Firefox\\firefox.exe" -chrome "file://Z:$file"
  • Infine, dare: rm ~/.mozilla/firefox/pluginreg.dat

Adobe, che tristezza… :-X

Navigando sul forum di Ubuntu-it, a questa pagina ho scoperto che è possibile migliorare notevolmente l’aspetto dei form e dei pulsanti radio (quelli tondi, per intenderci). Cerco di spiegarmi: avete presente come appare Google quando lo aprite con Firefox liscio? Eccolo qui:

Firefox prima del chirurgo plastico

Con un ritocchino semplice semplice è possibile farlo diventare così:

Firefox dopo il chirurgo plastico

Ecco come si fa: Read More »