Salta la navigazione

Daily Archives: giugno 7th, 2007

Ogni tanto Intel ci fa qualche bella sorpresa, e tempo addietro ha reso noto al mondo di aver creato una utility che piacerà a molti ubunteros “nomadi” come me: Intel PowerTOP.

PowerTOP

Il nuovo programma della Intel ha il duplice scopo di aumentare l’autonomia del portatile e anche di ridurre la temperatura del processore, ottimizzando il funzionamento del sistema operativo e dei programmi rendendoli meno esosi di preziosi risorse. Il suo funzionamento è molto complesso, e promette di ottenere dei buoni risultati, soprattutto perchè, ribadisco, agisce sia sul kernel che in userspace, a livello dei singoli programmi.

Chi non si è sottoposto al rituale mistico della ricompilazione del Kernel non può però avvantaggiarsi delle potenzialità di questo software, che richiede un kernel 2.6.21 o superiore (2.6.23 se 64-bit), quindi non è compatibile con Feisty (o meglio, funziona, ma non può intervenire). Oggi però è il 7 Giugno, e siamo tutti in attesa di Tribe 1, il primo CD “beta” di Gutsy Gibbon, la prossima versione di Ubuntu in uscita per Ottobre, che fornirà il kernel 2.6.22, e io sono molto curioso di vedere se questo PowerTOP mantiene le sue promesse.

Attendetevi aggiornamenti nei prossimi giorni!

Aggiornamento del 06/08/07: in questo articolo PowerTop viene presentato in maniera assai poco entusiastica ma molto dettagliata e “ragionata”.

Navigando in mare aperto ho scoperto il sito vixy.net. A differenza del programma youtube-dl (di cui ho parlato qui) questo sito giapponese converte online i file .flv (come i video in flash di youtube, per intenderci) in altri formati, come avi, mov, e addirittura mp3 (salvando quindi solo l’audio).

Vixy.net

Il file viene scaricato e convertito in remoto, e poi inviato automaticamente al browser per il download. Interessante la possibilità di conversione in formati come mp4 (per iPod video) e gp3 (supportato da molti telefonini). Ancora più interessante il fatto che il motore di conversione sia open-source.

Il servizio è in beta, ma funziona già benissimo, anche con file di grandi dimensioni.

Segnalo due trucchetti per aumentare le prestazioni della nostra macchina. Non sono un fan della performance, specie qualora comprometta la stabilità del sistema, ma qualche piccolo tuning ci può stare, ogni tanto.

Contagiri

Cominciamo con un post apparso sul blog di Andrea Giuliani che riguarda il boot parallelo. Interessa solo i possessori di processori hyperthread, multithred, multicore, ecc. e permette di avviare simultaneamente processi diversi per velocizzare il boot. Si attiva modificando il file sudo gedit /etc/init.d/rc, dove bisogna modificare la riga CONCURRENCY=none in CONCURRENCY=shell. Non ho riscontrato miglioramenti mostruosi, ma qualche secondo al boot lo si guadagna.

Il secondo suggerimento l’ho trovato sul blog Ubuntu facile e anche sul forum internazionale, e riguarda l’applicazione prelink. Questo software permette di velocizzare l’apertura delle applicazioni, e devo dire che i risultati sono abbastanza significativi. Istruzioni:

sudo apt-get install prelink

sudo gedit /etc/default/prelink

e modifichiamo PRELINKING=unknown in PRELINKING=yes, senza toccare le altre impostazioni.

Prelink parte automaticamente al boot, ma la prima volta è bene avviarlo manualmente per permettergli di dare un’occhiata al sistema e caricare tutte le informazioni necessarie:

sudo /etc/cron.daily/prelink

Prelink esegue una piccola scansione ogni giorno e una completa ogni due settimane. Attenzione: gli aggiornamenti a librerie di sistema importanti possono causare problemi, in tal caso è utile ripetere la scansione con sudo /etc/cron.daily/prelink.

Prelink può rimanere installato sul sistema anche se non vogliamo utilizzarlo più, poichè è sufficiente riconfigurare il file /etc/default/prelink modificando di nuovo da PRELINKING=yes in PRELINKING=unknown ed eseguendo di nuovo sudo /etc/cron.daily/prelink.

…se si conosce solo Linux!

Dedicato a quelli che “ma Linux è solo per programmatori!” e a quelli che “ma per installare i programmi bisogna compilarli!”.