Skip navigation

Oggi ho letto su Pollycoke che l’ISTAT ha convertito tutta la sua infrastruttura informatica a Linux, per la precisione a Red Hat Enterprise Linux.

Ora, l’ISTAT non è propriamente un ritrovo di debosciati, ma l’istituto che produce, elabora e pubblica rilevazioni come l’andamento tendenziale e congiunturale del PIL, dell’inflazione, della produzione industriale, dell’occupazione. Robettine che influenzano le scelte di politica economica e sociale e decretano il successo o il fallimento dei governi che cercano (faticosamente…) di tenere l’Italia sui binari.

Statistica

Il fatto che l’ISTAT affidi a Linux l’intera sua rete, dopo aver fatto dei lunghi test locali, implica molti aspetti, tra i quali quelli che Linux costa poco, che funziona bene, che è sicuro, che è scalabile. Ma uno di questi svetta sopra gli altri: di Linux ci si può fidare.

L’ISTAT non è l’unica istituzione ad aver operato questa scelta. Vi riporto un elenco (molto sommario) di tutte le svolte pro-Linux che sono riuscito a tracciare:

  • il Parlamento Francese fornisce computer con Ubuntu ai propri deputati;
  • il Massachusetts ha adottato Linux per tutti i sistemi della locale Pubblica Amministrazione ;
  • tra una birra e l’altra, il consiglio comunale di Monaco di Baviera ha deliberato l’adozione di Linux per i propri sistemi;
  • in Brasile il governo ha imposto alle varie amministrazioni statali l’utilizzo di Linux;
  • il governo macedone ha installato Ubuntu in tutte le scuole del paese;
  • Francia e Bulgaria hanno adottato Linux per i loro sistemi di e-governmen;
  • a Bolzano, le scuole usano Linux per la didattica (ne ha parlato anche Report, su RaiTre);
  • Aggiornamento del 6/6/07: il Vaticano usa Linux dal 1995 (God bless you!) e il Governo dell’Andalucia ha stanziato 15 milioni da investire nel FOSS.

E non è che qualche esempio. Basta cercare un pò con Grande Fratello Google e se ne trovano a decine.

Tux-Winsucks

Purtroppo, dietro Linux non c’è nessuna grande corporation e nessun grande finanziatore che possa pagare campagne pubblicitarie come la delirante Get The Fact$* di Microsoft. Ma siccome siamo tutti cittadini di qualche piccola amministrazione comunale, dove il rapporto con gli eletti è spesso quotidiano e informale, non c’è cosa migliore che si possa fare per aiutare la lenta, costante crescita di Linux dello spiegare ai nostri amministratori che con Linux si può risparmiare, si lavora meglio che con Windows e che non è difficile trasferire i propri dati e le proprie abitudini da un ambiente all’altro.Questo post del blog di Simone Brunozzi torna sull’argomento. Se qualcuno vuole fondare “Forza Linux”, voglio la tessera numero 2.

* Ma guarda un pò, proprio mentre $crivevo questo link mi $i è rotto il tasto della e$$e! $cu$ate il broken link, ma dal mio Blog al $ito della Micro$oft proprio non vi ci mando…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: